---

Cass. 20725/2017: è ammissibile la domanda di concordato con riserva presentata senza il rispetto delle formalità di cui all'art. 152 L.F. e, in particolare, in mancanza della delibera degli amministratori. Tali formalità, secondo la Cassazione, devono essere rispettate solo al tempo del completamento della domanda di concordato in bianco, mediante deposito della proposta e del piano [n.d.r: nonostante l'arresto della Suprema Corte, la questione rimane profondamente dibattuta].

*

Trib. Milano 21 giugno 2017: l'art. 2375 c.c. nel disporre che il verbale deve indicare anche in allegato l'identità dei partecipanti e il capitale rappresentato da ciascuno esige non solo la presenza del documento scritto che presenti un contenuto idoneo ad integrare le dichiarazioni presenti nel verbale, ma anche che tale documento faccia corpo col verbale costituendone parte integrante. Deve essere annullato il verbale che, per come materialmente redatto, impedisca di conoscere sia i nominativi dei soci presenti che il voto da ciascuno di essi espresso in merito al punto all'ordine del giorno.

Trib. Forlì 25 maggio 2017: la società tra professionisti (Stp) non è soggetta al fallimento (nel caso di specie si trattava di una stp-srl avente a oggetto l'esercizio della professione di dottore commercialista).

Trib. Milano 15 maggio 2017: la clausola compromissoria statutaria cristallizza la giurisdizione arbitrale per le liti relative a fatti verificatisi e diritti sorti nel periodo in cui le parti vi erano vincolate, non rilevando che il rapporto sociale sia in seguito venuto meno.

 

 

---