Cari Soci di seguito le candidature per la sezione di Diritto Penale pervenute sino ad oggi ed una breve presentazione dei candidati:

Dott. Giulio Mazzeschi

Avv. Margherita Pala

Dott.. Riccardo Tuzzi

 

GIULIO MAZZESCHI

"Il desiderio di candidarmi come presidente della Sezione di Diritto Penale, nasce anzitutto dal riconoscere come fondamentale la presenza di un luogo come l’A.G.G.F., un posto che ha una missione ideale e pratica importante, quale sede di dialogo e di crescita di nuovi giuristi nella coscienza nuova e nelle opere, nonché di opportunità.

In questi due anni in cui ho curato, insieme ad altri amici giuristi e prima di tutti il suo Presidente, l’attività e la vita della sezione penale attraverso le newsletter, la pagina Facebook e le iniziative, che ad ora abbiamo in ponte su temi nuovi e di fondamentale rilevo come la Giustizia Riparativa, abbiamo tentato di proporre e offrire un servizio in cui emergessero le ultime novità in ambito dottrinale e giurisprudenziale di interesse sia per chi è professionista, sia per i più giovani, ai fini del proprio studio, riformulando o impostando in modo originale i temi quale spunto di riflessione, approfondimento, dialogo e paragone con la propria coscienza giuridica e la realtà del diritto oggi.

Mi sono soffermato, in maniera estremamente sintetica sul cuore del lavoro svolto in questi due anni in sezione, da approfondire a “tu per tu”, ma è paradigmatico notare come solo nello stare insieme di fronte agli interessi, alle intuizioni, ai problemi e ai bisogni di ognuno che prima di tutto si instaura una amicizia, cioè si condivide un comune scopo per cui si lavora insieme. l’Associazione, inoltre, inizia ad essere percepita come casa propria, ossia un posto familiare per cui vale la pena dedicarsi e spendersi. Infine, solo attraverso la condivisione di una responsabilità tra il Presidente e chi aderisce alla sezione, in un continuo confronto e apertura al dialogo che valorizza e stima l’iniziativa di ognuno che possono emergere iniziative e opere nuove.

Molto lavoro c’è da fare, soprattutto ora che dopo due anni di vita l’Associazione continua a crescere, ma proprio per questo c’è ancora più bisogno che sia un posto “di tutti” e partecipato da tutti, e non solo percepito e vissuto come la fornitrice di un servizio, per cui sicuramente vale la pena aderire, ma così perdendone la sua portata fondamentale e la grande opportunità offerta a tutti.

Alla luce dell’esperienza di questi anni e della scommessa che è L’A.G.G.F., intendo rischiare e propormi attivamente presentando la mia candidatura.

Giulio Mazzeschi"

 

MARGHERITA PALA

"Cari amici e care amiche,

sono passati due anni da quando sono entrata a far parte di questa nostra Associazione.

Sono solita dare importanza alla letteralità ed, in questo caso, credo profondamente in quella “A” maiuscola posta all’inizio della nostra Associazione.

E’ vero, è un discorso che potrebbe apparire patetico; ogni volta che dobbiamo individualizzare una precisa realtà associativa la maiuscola è d’obbligo; ma, in questo caso, è una “A” maiuscola con un preciso e, soprattutto, più importante significato.

Si tratta della nostra Associazione, in primis di chi l’ha fondata (e colgo l’occasione per ringraziarli tutti), ma subito dopo di tutti noi che ne facciamo parte e che abbiamo contribuito a costruirla e far sì che crescesse, mattone dopo mattone.

Sono da sempre stata iscritta alla Sezione penale, da sempre mi occupo di questo ambito ed ho cercato - in punta di piedi e con tutta l’umiltà possibile - di appoggiare qualcuno di quei mattoni, alcuni più grandi ed altri più piccoli, per far sì che crescesse ogni mese di più. Abbiamo organizzato convegni, coinvolto nuovi amici e colleghi giuristi, condiviso momenti, aggiungo entusiasmanti.

Negli ultimi mesi ho pensato a questa candidatura e ci ho pensato attentamente perché credo in questo nostro “luogo”, credo in questa condivisione e in tutto ciò che la caratterizza. Ci ho pensato approfonditamente perché credo che la nostra Associazione meriti la dovuta attenzione e dedizione; ed ho voluto calibrare attentamente la mia scelta, cercando di capire se avessi o meno il tempo e la forza di volontà che merita.

La risposta è stata positiva e lo è stata sapete perché? Perché fa parte di me, del mio modo di essere ed intendere il pensiero giuridico e la professione che svolgo ogni giorno. E’ una parte fondamentale. Rimanere all’interno di una scatola chiusa non solo non serve, è profondamente dannoso. La voglia di coinvolgere, costruire ancora e di far crescere, insieme a tutti voi, questa nostra “casa di vetro”, è profondamente radicata, anzi in continua crescita.

Per questomi candido a rappresentare l’A.G.G.F. come Presidente della Sezione Penale dell’Associazione, impegnandomi, qualora venissi eletta, a rappresentare la stessa Sezione e tutti i membri che ne fanno parte, coinvolgendo voi tutti e nuovi soci, promuovendo iniziative e cercando di individuare opportunità di crescita per l’Associazione e per tutti noi.

 Un caro saluto, un grande abbraccio a tutti e a giovedì

 Margherita"

 

RICCARDO TUZZI

"DOTT. RICCARDO TUZZI, Arezzo, 14.10.1991.

Nel 2015 ho conseguito con il massimo dei voti la laurea magistrale in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Firenze con tesi in Diritto Processuale Civile dal titolo "La tutela civile di fronte alla prevenzione dell'illecito" (rel. Prof.ssa Ilaria Pagni).

Dal settembre 2015 al settembre 2016 ho svolto il periodo di pratica legale presso lo studio Giuristi&Avvocati di Firenze nel settore del diritto commerciale e bancario.

L'esigenza di maturare una formazione multidisciplinare per sostenere i più noti concorsi pubblici mi ha portato a svolgere, da settembre 2015 a marzo 2017, il periodo di formazione professionale ex art. 73 D.L. 69/2013 presso gli Uffici del Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Firenze. Ivi, ho partecipato a udienze di convalida in carcere, udienze preliminari, interrogatori di garanzia, audizioni protette di minori e di persone offese, riti speciali e udienze camerali in genere.

A marzo 2017, ho conseguito una borsa di studio presso la Corte d'Appello di Firenze, Ufficio post-dibattimento e ricorsi in Cassazione, ove sino a settembre 2017 ho svolto attività di ricerca. 

Attualmente sono in attesa di sostenere l'esame orale per l'abilitazione all'esercizio della professione forense". 

 

---